Modern champions of nursing: Edna Adan Ismail.

Italian translation: see below/traduzione italiana: leggete sotto.  
This is my first small portrait of modern champions of nursing, nurses who distinguish amongst thousands, all over the world, for looking after patients in an extraordinary way. My first post is dedicated to a woman well known in many Countries, not yet in Italy. 
“Women are the half of the sky, we say.
And the sky is blue. Blue like the headscarves of the young women in this picture.
They’re all nurses, all graduates in the school founded, along with the hospital, by the Lady in the middle of the picture.
She is a proper First Lady, not just because she was married to the (first) Somaliland President, but because the adjective “first” recurs many times in her biography.
She’s been, in fact, the first Somaliland girl to attend school (in Djibouti, because there were no schools for girls in Somaliland during the Fifties), the first Somali woman who awarded a scholarship to study in Britain (at Borough Polytechnic, now London South Bank University), the first Somali nurse and midwife ever, the first and only – so far – Somaliland woman Minister (for Health Care) and also the first ever Somali woman who achieved… a driving licence!
Her name is Dame Edna Adan Ismail, and she has given her name to the first Maternity Hospital in Somaliland, in the city of Hargeisa, where she still teaches young nurses and midwifes, with a target of 1.000 professionals to educate and send to work all across Somaliland.
Dame Edna spent several decades, working for UNICEF and WHO, educating nurses and midwives in many Asian and African Countries. She was also an activist and a campaigner who spoke out against Female Genital Mutilation, that she suffered herself at the age of seven. 
Her outstanding contribution to the cause of women’s rights let her receiving awards in Europe and United States and chairing national and international commissions.
However, her thoughts and efforts have been dedicated, after her retirement, in a project in which she invested not only her personal finances, but her whole person: building a maternity hospital in her own Country. 
The idea of setting up an hospital in an area where there wasn’t one was the fulfilling of a childhood dream for Dame Edna, who tried twice to build it, being successful only the second time, when she was offered a place previously used as an execution ground during the civil war, turned into a burial and later as a garbage dumping ground.
After the initial shock, she accepted, being fascinated from the idea to transform a place of death in a place where healing and giving birth.
Building a non-profit hospital and providing care, anyway, is never an easy project and it can be unrealistic, even for a tycoon in a wealthy Country. 
Doing it by investing her own savings in one of the poorest Nations in the world, that still struggles to find unity, peace and stability after decades of civil war, would be considered total madness.
Not for Dame Edna, however, who has showed since the start of the project an undestructable perseverance: she has sold her house, her family jewellery, even the dishwasher to fund the construction works and to buy the equipment and the furnishings needed.
She has also chosen to live in a room inside the building, where she has received foreign delegations when she was Minister of Health Care of Somaliland and where now, at the age of 79, she is still tirelessly running the University (where many different roles of health professionals are trained, not just nurses) and the Hospital, open in 2012, sometimes using the monthly pension to cover shortfalls and shortage of supplies. 
In a few words, the maternity hospital is not only Dame Edna’s house and legacy to her people, but it goes above and beyond the low-cost services offered, giving a message and an example of braveness, empowerment and strength to women (and men, also), of this Country: 
“we come from a poor country, a developing country, we have nothing. However, I don’t want them (my compatriots, A. N.) to think that we come from a disadvantaged background. Don’t say you have nothing. You have a brain, and that is everything. You should give up saying I cannot do and say, I will try to do”.
In her mission, Dame Edna has never forgotten or given up with the values and principles of nursing, lovingly looking after ill people even when she was Somaliland’s First Lady and, after few years, Minister of Health Care, and always maintaining an holistic vision of the patients:
“I’d try to be a role model, to show … that you cannot be looking after a sick patient if you do not value a person and respect them as a human being. You cannot be just dishing out medicine or putting bandage on a limb without respecting the person this arm it attached to. You’re not looking after an arm, you’re looking after a person who has a sick wound on their arm. It’s the person that comes first”.
In an era where feminism means, for some celebrities, posting online pictures and videos of her naked bodies, Edna Adan Ismail is a real example of woman emancipation and empowerment. 
A First Lady, an humanitarian model, a pioneer, an educator, but a nurse first of all. 
An extraordinary example of energy, strenght and determination. 
Her long and outstanding career made her winning many awards and she has also been included in a documentary and book about outstanding African women, named – guess what? – “Half of the sky”, but still waiting for a Nobel Prize largely deserved”.

If you want to contribute to her cause, visit the website http://www.ednahospital.org. 

Quello di seguito è il mio primo piccolo ritratto dedicato ai moderni campioni dell’infermieristica, infermieri che si distinguono tra migliaia, in tutto il mondo, per prendersi cura dei pazienti in modo straordinario. Il mio primo post è dedicato a una donna ben conosciuta in molti Paesi, ma non ancora in Italia.
“Si dice che le donne siano la metà del cielo.
E il cielo è blu. Blu come i veli delle giovani donne in questa foto.
Sono tutte infermiere, tutte laureate nella scuola fondata, insieme all’ospedale, dalla Signora al centro dell’immagine.
Costei è una vera First Lady, non solo perché sposata con il Primo Presidente somalo, ma perché l’aggettivo “primo” ricorre molte volte nella sua biografia.
È stata, infatti, la prima ragazza del Somaliland a frequentare la scuola (a Gibuti, perché non c’erano scuole per ragazze nel Somaliland durante gli anni Cinquanta), la prima donna somala a cui è stata assegnata una borsa di studio in Gran Bretagna (al Borough Polytechnic, ora London South Bank University), la prima infermiera e ostetrica somala di sempre, il primo e unico – fino ad ora – Ministro del Somaliland (per la Sanità) e anche la prima donna somala che ha conseguito… una patente di guida!
Il suo nome è Dame Edna Adan Ismail e ha dato il suo nome al primo ospedale dedicato ai servizi della maternità in Somaliland, nella città di Hargeisa, dove insegna ancora a giovani infermiere ed ostetriche, con l’obiettivo di 1.000 professionisti da formare e inviare a lavorare nelle regioni del Somaliland.
Dame Edna ha trascorso diversi decenni, lavorando per l’UNICEF e l’OMS, istruendo infermiere e ostetriche in molti paesi asiatici e africani. E’ stata anche un’attivista, che ha combattuto contro la mutilazione genitale femminile, da lei stessa sofferta all’età di sette anni.
Il suo straordinario contributo alla causa dei diritti delle donne le ha consentito di ricevere riconoscimenti in Europa e negli Stati Uniti e di presiedere commissioni nazionali ed internazionali.
Tuttavia, i suoi pensieri e sforzi sono stati dedicati, dopo la sua pensione, ad un progetto in cui ha investito non solo le sue finanze personali, ma tutta la sua persona: la costruzione di un ospedale di maternità nel suo Paese.
L’idea di istituire un ospedale in una zona dove non ce n’era nessuno era la realizzazione di un sogno d’infanzia per Dame Edna, che ha tentato due volte di costruirlo, avendo successo solo la seconda, quando le fu offerto un posto precedentemente utilizzato come luogo di esecuzione durante la guerra civile, trasformato poi in una sepoltura e infine in una discarica. 
Dopo lo shock iniziale, tuttavia, accettò, affascinata dall’idea di trasformare un luogo di morte in un luogo dove guarire e dare vita.
Costruire un ospedale senza scopo di lucro e fornire assistenza, comunque, non è mai un progetto facile e può essere irrealistico, anche per un magnate in un paese ricco.
Farlo investendo il proprio risparmio in una delle nazioni più povere del mondo, che ancora oggi cerca di trovare unità, pace e stabilità dopo decenni di guerra civile, sarebbe considerato una follia totale.
Non per Dame Edna, tuttavia, che dall’inizio del progetto ha mostrato una perseveranza indistruttibile: ha venduto la sua casa, i suoi gioielli di famiglia, anche la lavastoviglie per finanziare le opere di costruzione e per acquistare le attrezzature e gli arredi necessari.
Ha anche scelto di vivere in una stanza all’interno dell’edificio, dove ha ricevuto delegazioni straniere quando era Ministro della Sanità del Somaliland e dove adesso, all’età di 79 anni, ancora gestisce senza riposo l’Università (dove diversi professionisti della salute sono istruiti, non solo infermieri) e l’Ospedale, aperto nel 2012, a volte utilizzando la pensione per coprire i debiti e la carenza di forniture.
In poche parole, l’ospedale di maternità non è solo la casa di Dame Edna e l’eredità per la sua gente, ma va al di là dei servizi a basso costo offerti, fornendo un messaggio e un esempio di coraggio, empowerment e forza alle donne (ed agli uomini), di questo Paese:
Veniamo da un paese povero, in un paese in via di sviluppo, non abbiamo niente, ma non voglio che loro (i miei connazionali, n.d.A) pensino di venire da una condizione di partenza di sfavore, non devono dire che non hanno nulla. Hanno un cervello, e questo è tutto ciò che occorre. Devono smettere di dire: Io non lo posso fare e dire, invece, cercherò di farlo “.
Nella sua missione, Dame Edna non ha mai dimenticato o rinunciato ai valori e ai principi del nursing, curando con amore i malati, anche quando era la prima signora del Somaliland e dopo pochi anni il ministro della sanità, e mantenendo sempre una visione olistica dei pazienti:
Vorrei cercare di essere un modello nel mio ruolo, per mostrare … che non puoi prestare attenzione a un paziente ammalato se non valuti una persona e la rispetti come essere umano. Non puoi semplicemente disfare una medicazione o mettere la benda ad un arto senza rispettare la persona cui questo braccio è collegato. Non stai prendendoti cura di un braccio, ma di una persona che ha una ferita infetta sul braccio, è la persona che viene prima“.
In un’epoca in cui il femminismo significa, per alcune celebrità, pubblicare immagini e video online di corpi nudi, Edna Adan Ismail è un vero esempio di emancipazione ed empowerment della donna.
Una Prima Signora, un modello umanitario, una pioniera, un’educatrice, ma un’infermiera prima di tutto.
Un esempio straordinario di energia, forza e determinazione.
La sua carriera lunga e straordinaria le ha fatto vincere molti premi ed è stata anche inclusa in un documentario e un libro su donne africane straordinarie, intitolato – indovinate un po’? – “La metà del cielo“, ma è ancora in attesa di un premio Nobel largamente meritato”.

Se volete contribuire alla sua causa, visitate il sito http://www.ednahospital.org.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...