Gli schermi degli smartphone stanno alimentando un’epidemia di miopia.

La notizia è di quelle che si leggono di solito su un trafiletto di giornale, ma in questo caso merita una lettura attenta perché la fonte è estremamente autorevole, ovvero un consultant (figura paragonabile a quella del primario) in oftalmologia pediatrica, presso il Moorfields Eye Hospital di Londra. Mi sono preso la briga di tradurla per voi, ma potrete leggere l’originale linkando all’articolo dell’Evening Standard riportato qui sotto:

https://www.standard.co.uk/news/health/smartphone-screens-are-fuelling-an-epidemic-of-shortsightedness-a3638036.html

Una specialista del Moorfields Eye Hospital ha lanciato oggi l’allarme: sbirciare gli smartphone dentro casa e non uscire a giocare sta alimentando la miopia tra i giovani londinesi.

Annegret Dahlmann-Noor ha affermato che la miopia progressiva – il peggioramento della vista dei giovani pazienti nella fase di sviluppo – è due volte più comune nei bambini delle scuole primarie rispetto a 50 anni fa.

Smartphone-1184865_960_720

Ciò ha portato ad un aumento delle richieste di consulenza da parte degli optometristi di Londra.

L’oftalmologa ha dichiarato: “I genitori sono molto preoccupati per il numero di ore spese dai figli sui dispositivi.

“Mi dicono che il loro bambino trascorre quattro ore al giorno su uno smartphone o iPad – in genere sono gli schermi più piccoli quelli che preoccupano maggiormente. I dettagli sono molto piccoli, devono tenere gli occhi in una fase di messa a fuoco costante per vedere le cose chiaramente per ore e ore.

“È molto spesso un tema regolare della consulenza. Sembra che le persone che studiano molto o trascorrono molto tempo sui dispositivi, diminuiscano l’attività all’aperto e non godano dell’effetto diretto della luce solare sulla crescita dell’occhio nei primi anni di vita.

La miopia nei bambini delle scuole primarie è salita al 16,4 per cento dal 7 per cento negli anni Sessanta. I sintomi includono il bambino che si lamenta di una vista offuscata, oppure sono gli insegnanti che notano il problema di uno studente che copia in modo errato. I bambini devono essere incoraggiati ad uscire per 30 minuti ogni 90 minuti in casa. Altrimenti, i bulbi oculari possono crescere leggermente di più, rendendo le immagini sfocate.

La miopia è anche genetica, ma la signora Dahlmann-Noor ha affermato che, in questo caso, condizione “inizia prima e progredisce più velocemente”. Questi pazienti possono inoltre essere a rischio di glaucoma.

La Dott.ssa Dahlmann-Noor ha sostenuto che un altro problema è che i genitori spesso studiano la condizione dei loro figli online ed acquistano farmaci nel tentativo di trattare il problema.

“Per noi è frustrante che le persone vengano in questi giorni con stampe da siti Internet, venendo a conoscenza di studi randomizzati di controllo che si stanno conducendo a Singapore o che acquistino gocce di atropina laggiù”, ha detto. “Portano qui i propri farmaci e poi vogliono che i figli siano monitorati a Londra.

“Chiedono anche speciali lenti a contatto che ridisegnano la forma della cornea durante la notte, ma c’è un elevato rischio di infezione (nell’indossare questi dispositivi, N.d.A.)”.

Bene. Credo che ora sia il caso di uscire a fare una passeggiata.

Ahia, troppo tardi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...